“Doppelgänger onirico
spezza il cuore, stupra l’io
nel sogno poi…
strangoli malamente il padre
percorri un ponte per un treno al volo.
Che perdi.
Lanci coltelli che rimbalzano,
ne scansi un altro, poi…
fuggi per paura.
E’ ancora lì, nell’aorta sensibile,
quel profumo sadico
quel sapore indicibile”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...