da BariSera del 24/9/2012

Interno Notte. Il 27 Maggio del 1956 Franco Percoco si aggirava per casa come un fantasma in cerca della sua dimora interiore, come uno spettro che, in bilico tra vita e morte, auspica il salto della pace da una parte o dall’altra. Siamo a Bari, in via Celentano al civico 12 per la precisione.
Franco Percoco amava il cognac, vide una bottiglia del suddetto e ne vuotò un buon tre quarti, poi vide un coltello, lo afferrò e con esso stuprò una mela leccando il succo agrodolce del frutto dalla stessa lama. Il cognac iniziava il suo effetto e Franco, barcollando come fantoccio futurista invasato da qualche demone, scruta i muri, le cose della propria casa, la semplicità degli oggetti.
Nella stanza da letto i suoi genitori dormono il sonno della (s)ragione, il sonno che neanche lontanamente avvicina al domandarsi se forse il loro figlio Franco sia, in qualche modo, vittima delle loro pressioni psicologiche derivanti dall’aspettarsi sempre il massimo da lui. Certo, con un fratello cleptomane in carcere e un altro con problemi mentali, Franco diventa baluardo assai scalfibile di certi progetti estetici della famiglia Percoco, una famiglia semplice a suo modo.
Franco, ventisei anni e un diploma scientifico, non regge sulla propria schiena forte ma fragile ormai, non regge il peso del ruolo che la sua famiglia gli ha addossato.
Tra i fumi dell’alcool e l’incoscienza sinistra del peccato, Franco Percoco è a un passo dall’ebollizione dell’anima, un piccolo e sottile lembo di lucidità lo separa dall’atto feroce. Quel lembo si squarcia e Franco, automa umano ma lucidamente folle perché esasperato, va in camera da letto dove i suoi hanno le palpebre incollate dal sonno, osserva i dormienti con un coltello in mano e, come primo capitolo di questo iter sanguinolento, affonda la lama nel collo di sua madre che quasi non si accorge di nulla. Il sangue schizza e trucca il viso di suo padre prima che un’altra coltellata, scaturita dal braccio armato di Franco, penetri come burro il cuore di suo padre, tredici coltellate condiranno il tutto per chiudere il lugubre atto, la devozione al sangue. Franco avanzò verso la stanza di suo fratello Giulio, colui che parlava con le piante perché gli uomini non possono capire, e decise che quello sarebbe stato il capolavoro della grandguignolesca nottata, furono trentotto le coltellate che il fratello si beccò, trentotto sputi dall’anima di Franco.
I tre cadaveri giacevano come fantocci inzuppati di sangue nei loro letti, Franco li osservò ancora con la lucida follia dell’atto estremo compiuto con razionalità irrazionale, intriso della catarsi della sopportazione esaurita, il figlio ammazza per liberare il suo spirito da un’oppressione che stava lacerando il tessuto metaforico della sua anima. La stanza degli orrori sta per essere arredata, Franco barrica il cadavere del padre nell’armadio in posa innaturale da manichino sanguinante e scomposto, dà in pasto il cadavere di sua madre al materasso piegato, grande bocca divoratrice di corpi, piazza Giulio a pochi metri da loro, poi blinda la stanza con nastro isolante e spruzza deodorante al ciclamino, perché la morte va resa profumata.
Marcello Introna, autore e sceneggiatore televisivo classe 1977, con questa sua opera prima dal titolo Percoco (pagg.285 – €15), edita da Il Grillo Editore di Bari, compie un’operazione interessante, con un lavoro di scavo tra gli archivi ripesca un fatto di cronaca nera della città di Bari, lo inzuppa nel romanzesco e crea un piacevole (a tratti ruffiano) ibrido narrativo che è appunto romanzo cronachistico o cronaca romanzata che dir si voglia. L’autore narra un avvenimento – la prima strage familiare in terra italiana – che molti baresi probabilmente conoscevano solo per sentito dire o non conoscevano affatto. Non è certo un romanzo giallo questo, al massimo il giallo è quello che permea le avventure reali della famiglia, il giallo non è tanto nell’uccisione quanto nell’alone di mistero che circonda i rapporti familiari della famiglia Percoco che si fanno inquietantemente drammatici nella semplicità quotidiana delle parole, delle umiliazioni, del dialogo spurio, della morte che aleggia ma non trova spiragli finché il coltello di Franco, spada infuocata di biblica memoria, non scardina le anime prima, i corpi dopo, dei suoi familiari. Carnefici dell’anima, questi ultimi, e vittime sacrificali al contempo.
Non voglio narrare di più della storia di Percoco che Introna affronta, toglierei spirito al testo. Un libro che si fa leggere, certo non mancano piccole parentesi di osservazione personale dell’autore che forse stonano un po’ con il contesto, come probabilmente un lavoro di labor limae non avrebbe guastato nella sommatoria del risultato finale, ma scorrono le pagine e questo – al giorno d’oggi – è positivo, visto che siamo in un periodo storico in cui, per paradosso, il numero di coloro che scrivono supera quello di coloro che leggono.
La storia di Franco Percoco è il percorso che dall’umiliazione porta all’atto estremo, l’anima degradata finisce, vampirescamente, per nutrirsi del sangue dei carnefici che l’hanno resa tale e l’amore, le feste, le donne, si godono maggiormente quando nella stanza accanto imputridiscono i corpi dei colpevoli. Il troppo bene affossa in alcuni casi, allora la reazione non è mai misurata. Colpevoli e innocenti, morti e vivi, sono lati della stessa medaglia, quella della vita.

Giuseppe Ceddia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...