Io ti scrivo, Dio che non sei nato, alle porte del mondo, evirato dal connubio adolescenziale dell’avvenire, altrimenti esausti di troppe moine o troppi figli assurdi sul grembo, annientati dall’aumento in percentuale esausto del destino, senza belve da sfamare, senza figli da educare. Vuoi il cuore pulsante di pungiglioni sulla faccia che non s’accorga d’essi?

Sii di ferro e da traino, da operaio a operaio, se la mente me lo consente, io, ora………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

 

 

 

 

 

 

 

……………………….salto,

 

sul filo elettrico del cambiamento d’onda, sulla virgola di un vulcano che di lava si sazia,

 

………………………salto,

 

sulle lucciole della morte al lavoro, sulla coesione delle vite, che s’ammansiscono solo………………………………morendo.

Giuseppe Ceddia

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                              

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...